lCONALogobancadatifacilerev.10
lCONALogobancadatifacilerev.10

Contatti

Menù

Contatti

Banca Dati F-Gas Facile

Telefono: 348 8444000

​Email: info@bancadatifgasfacile.it            

Il primo servizio professionale nato per semplificare l'azione delle imprese termoidrauliche 

ECOBONUS 110 % LINEE GUIDA

04-07-2020 13:35

Francesco Ferrante

cantieri, Condizionamento, impianto di condizionamento, climatizzazione, ecobonus, ristrutturazioni,

ECOBONUS 110 % LINEE GUIDA

L' Ecobonus 110% prevede agevolazioni per proprietari di immobili che decidono di fare interventi al fine di migliorare l'efficienza energetica della struttura.

ECOBONUS 110 %

LINEE GUIDA

 

 

 

 

L 'Ecobonus 110% prevede agevolazioni per proprietari di immobili che decidono di fare interventi al fine di migliorare l' efficienza energetica della struttura (dimostrabile mediante Attestato di Prestazione Energetica pre e post intervento, eseguita da un tecnico abilitato esterno e non il progettista dell' intervento) ma anche ristrutturazioni rese a migliorare le prestazioni antisismiche degli edifici (sismabonus).

 

Gli interventi devono garantire che l’edificio migliori di almeno due classi energetiche o comunque della classe energetica più alta che si può ottenere (ecobonus) e per gli interventi ad essi connessi relativi all'installazione di impianti fotovoltaici e colonnine per la ricarica di veicoli elettrici.

 

Le detrazioni previste dal Decreto Rilancio per l' Ecobonus 110% riguardano le spese fatte dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021.

 

Chi può accedere all' Ecobonus:

-          condomini, edifici con più unità immobiliari ovvero alle parti comuni di essi

         persone fisiche (no partite iva) al di fuori dell’attività di impresa, arti e professioni, su singole unità immobiliari 

-         Istituti Autonomi Case Popolari e cooperative di abitazione, con requisiti in materia di house providing, sugli immobili adibiti a edilizia residenziale pubblica

 

Quali sono gli interventi detraibili:

-          Isolamento termico: gli interventi devono riguardare oltre il 25% della superficie d intonaco, con un tetto massimo di spesa di 60.000 euro a ogni singola unità immobiliare;

-          Condomini sostituzione di impianti di climatizzazioe invernale con impianto centralizzato per riscaldamento, raffrescamento, o ACS, a condensazione (solo gas, Classe A del Reg. EL), a PdC, inclusi imp. ibridi, geotermici (anche abbinati a FV+storage), o microcogeneratore; max € 30.000 x unità

-          Abitazioni unifamiliari sostituzione impianto di climatizzazione invernale con impianto per riscaldamento, raffrescamento, o ACS, a PdC, inclusi impianti ibridi, geotermici (anche abbinati a fotovoltaico+storage), o microcogeneratore; max € 30.000

 

Modalità per fruire del superbonus sui lavori effettuati:

-         Contribuente sostiene le spese: il contribuente stesso sostiene le spese per poi beneficiare del credito d’imposta al 110% in cinque quote annuali di pari importo (nelle dichiarazioni dei redditi che saranno presentate a partire dal 2021);

-         Credito d’imposta: il contribuente anticipa la spesa in fattura, ma successivamente cede il credito d’imposta alla banca o ad altri intermediari finanziari al fine di ottenere un immediato rimborso della spesa sostenuta. 

La quota del Credito d’Imposta non utilizzata nell’anno non può essere usufruita negli anni successivi e non può essere richiesta a rimborso.

Sono compensabili tutti i tributi che confluiscono in F24 «ordinario» e
«accise»:
-  IRES
-  IRAP

-  IVA
-   Accise (dal 10 marzo 2001)
-  IRPEF dipendenti e assimilati e addizionali
-  Contributi INPS e INAIL
-  Ritenute applicate
-  IMU, TARI
Nel limite «cumulativo» di 700.000 euro per ogni anno solare (ex art. 34, L. 388/2000)

-          Sconto in fattura: il Decreto Rilancio prevede che il contribuente possa scegliere di usufruire dell'ecobonus in forma di uno sconto in fattura che viene emessa dal fornitore dei lavori, che a sua volta potrà recuperarlo in forma di credito di imposta. 

 

Step per richiedere Ecobonus 110 %:

-           Far eseguire l’APE della prima casa o condominio;

-           Richiedere un progetto da un tecnico (diverso da quello dell’APE), che comprenda almeno o il cappotto termico dell’edificio o una pompa di calore + altri interventi congiunti necessari o non, affinchè si migliori di 2 classi energetiche l' edificio;

-           Realizzare più preventivi dell’intervento incluso di posa in opera per capire con esattezza i diversi importi;

-           Stabilire se possibile detrarre dal proprio IRPEF l’intera somma del 110% in 5 anni o in alternativa a chi cedere tale credito (istituto finanziario o ditta)

-            Eseguire i lavori dal 1° Luglio 2020 al 31 Dicembre 2021 seguendo le istruzioni di pagamento che darà il tecnico;

-            Richiedere una nuova APE che attesti il miglioramento energetico dell'edificio.

 

 

 

 

 


facebook

Copyright 2020 © BANCA DATI FGAS FACILE All Right Reserved. Sito Web realizzato da Flazio Experience

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder